29 settembre 2010

Di sfoghi e stereotipi

Questa la devo dire,  anche proprio solo per uno sfogo personale.
Per una delle classi che frequento abbiamo un blog dove lasciamo i nostri commenti sulle letture della settimana etc. che comunque non dobbiamo scrivere ogni settimana ma almeno bi-settimanalmente.
C'è questo secchione associale Tedesco che commenta SEMPRE e SEMPRE PER PRIMO, ma anche giorni in anticipo, ed ha sempre la sua opinione "diversa" del cavolo. Che io dico, questo PhD fare, lo dobbiamo fare, ma non stressiamoci così!
Che poi uno si sente un pirla a non avere lo stesso entusiasmo...per una classe che va dalle 3 alle 5 del pomeriggio, il Venerdì.
(tra l'altro mentre si decideva ancora l'orario, lui, il tedesco, propose il Venerdì sera 7-9, sti cazzi!)

E la mia collega mi ha fatto notare che ad una festa, dove è stato invitato tutto il dipartimento, sono arrivati prima i Tedeschi, seguiti subito dai Francesi, qualche oretta dopo gli Italiani e ultimi gli Spagnoli.
Dico solo che io me ne sono andata circa a mezzanotte, e degli Spagnoli non c'era ancora traccia.

5 commenti:

  1. negli stereotipi, mettici pure che la festa non prende vita finché non arrivano gli Italiani e gli Spagnoli in tanti casi XD

    RispondiElimina
  2. Troppo divertente la storia della festa!

    Silvia

    RispondiElimina
  3. TopGun: vero...quando sono arrivata c'era la musica bassa e tutti se ne stavano seduti a chiacchierare educatamente, tanto che mi son detta "azz..come sono diverse le feste in Connecticut"...poi ho sentito la musica alzarsi e un sacco di urla, gente che parlava a voce altissima....sono arrivato gli italiani!

    RispondiElimina
  4. beh, per quanto riguarda il tedesco io la vedrei così: probabilmente non ha niente di meglio da fare che commentare... sempre e sempre per primo. sarà l'apice della sua giornata. ma forse sono io che sono troppo cativa ;)

    Ilaria

    RispondiElimina
  5. Ilaria, mi sa che siamo in due allora!

    RispondiElimina