4 ottobre 2010

Haunting in Connecticut

Una sera di tanti anni fa un ragazzo è stato ucciso sull'uscio del mio appartamento.
Stava scappando da qualcosa o qualcuno. Correndo verso la porta è inciampato nello zerbino, lui è caduto e il tappeto è volato alla fine del corridoio. La serratura è dura da girare, specialmente quella più piccola, in alto.
Non ce l'ha fatta ad aprire la porta in tempo e a mettersi in salvo.
L'hanno ucciso prima.

Il suo fantasma rivive questa storia ogni sera.

Non è Ghost Hunters, e nemmeno questo film.
è solo la spiegazione che io e Mike ci siamo dati sul perchè ogni mattina, il nostro tappetino si trovi magicamente a pancia in sù in fondo al corridoio.


(lo so, lo so...non siamo normali)

5 commenti:

  1. per quel che mi riguarda io cambierei casa.

    sono un tipo coraggioso :)
    valescrive

    RispondiElimina
  2. ma qui dicono che tutto il Connecticut è infestato di fantasmi, cambierebbe poco...

    RispondiElimina
  3. Un po' inquietante!
    By the way, non ti avevo ancora fatto i complimenti per il bellissimo blog. :)

    RispondiElimina
  4. animenomadi@gmail.com8 ottobre 2010 14:34

    Ancora complimenti per il tuo blog. A presto.

    RispondiElimina
  5. ooooooooh...... aaaaaaaaaaah.....
    if walls could talk, part I....

    RispondiElimina