26 febbraio 2012

Che dura fare il presidente

Ieri si è svolta la conferenza che il mio gruppo ed io abbiamo organizzato. Un sacco di lavoro, gratuito.
Circa un anno di preparativi, di incontri, di problemi da risolvere, ma alla fine ce l'abbiamo fatta ed è stato un piccolo successo.
Il nostro dipartimento include Italiano, Spagnolo, Francese, Tedesco e quello che chiamano "critical languages"(che si alterna con Arabo, Russo, Portoghese, Cinese, etc.) con insegnanti da praticamente tutto il mondo. Mettere tutti d'accordo è impossibile ed è per questo che ci sono degli 'officers' che fanno da rappresentati e prendono le decisioni finali. Purtroppo non tutti capiscono questa cosa che si chiama democrazia e devo dire che questa esperienza da presidente mi ha insegnato un paio di cose. All'inizio pensavo che i Francesi se la tirassero un po' troppo e che i Tedeschi fossero troppo precisini, ma ho imparato a sfruttare queste qualità a vantaggio del gruppo. Gli Spagnoli però sono di un polemico, che non li ferma nessuno. Veramente poco costruttivo.

11 commenti:

  1. Gli spagnoli che conosco non mi hanno dato questa impressione, sarà che sono abituato bene con certi italiani

    RispondiElimina
  2. uh. in bocca al lupo allora!

    RispondiElimina
  3. Be', molto interessante, però. Ma perché le chiamano "critical languages"?

    RispondiElimina
  4. From uk, è molto probabile!

    Mela, crepi!

    Silvia, perchè non abbiamo un corpo docenti per queste lingue ma il dipartimento assume dei lettori diversi ogni anno per periodi limitati.

    RispondiElimina
  5. mi permetto: ti sputi il lupo, non crepi! :)

    RispondiElimina
  6. e gli italiani come sono?
    interessanti queste interazioni internazionali
    valescrive

    RispondiElimina
  7. Vale, gli italiani sono stati davvero bravi e buoni, probabilmente perchè si sentivano ben rappresentati, sia io che il vice-presidente facciamo parte della sezione di Italiano...

    RispondiElimina
  8. In effetti, fare il presidente di qualsiasi organizzazione e' un lavoraccio, posso solo immaginare come sia quando chi partecipa ha abitudini magari diverse... pero' alla fine sono soddisfazioni. Incredibile che sia passato gia' un anni da quel post...

    RispondiElimina
  9. Moky, già, un anno!

    Emigrante, sempre sia lodato.

    RispondiElimina
  10. ah ma come presidiano gli italiani non presidia nessuno ;)

    RispondiElimina