13 febbraio 2012

Come se non avessimo abbastanza poltrone

Uno ci mette anche tutta la buona volontà del mondo, ma a questi livelli è diventato impossibile lavorare da casa.



9 commenti:

  1. sto gironzolando tra i blog...e sono approdata qui. Tra i blog, quelli degli "italiani all'estero" sono quelli che seguo più avidamente...forse perchè medito segretamente la fuga? (ovviamente col mio amore Signor Pompelmo).
    Rileggiamoci!

    RispondiElimina
  2. sto leggendo alcuni post indietro.
    Ma lavoravi-lavori come insegnante universitaria?
    0_0
    così giovane?
    e io che pensavo che ci fossi andata a studiare...

    Magari lo avrai spiegato tante volte, ma sono una novizia.

    RispondiElimina
  3. Mela, sono dottoranda (e quindi studentessa) e insegnante alla stessa università. Hai presente gli assistenti sfigati con cui dovevi fare gli esami all'università? Ecco, quello. :)
    Tu che fai?

    RispondiElimina
  4. studio, ma sono megafuoricorso. Ogni tanto lavoretti caccolosi saltuari. Vita da universitari. MI manca l'ultimo esame che non riesco a superare...ormai è una barzelletta!
    E vabbè...

    Sei una malefica assistente quindi? :)
    Ma su...almeno fingi di non vedere chi copia!!!e daiii!

    RispondiElimina
  5. Bello Nico!!! Chi sa se lui e Gioia si ricordano ancora di me?!

    RispondiElimina
  6. ti giuro che non capivo perche' avessi postato una foto del tuo seno ;-/

    RispondiElimina
  7. Marica, ha ha, lui è nero nero e in foto non viene bene, il mio seno invece è un po' difficile da nascondere :(

    RispondiElimina