6 marzo 2012

Geografia di un angolo d'America

L'università del Connecticut si trova in cima ad una collina circondata da boschi e qualche casa qua e là.
La città più vicina è la capitale Hartford a circa 40 minuti di macchina. Eppure a notte inoltrata, si vede sempre una scia di luce oltre le colline, ad est. Un fenomeno di cui non conosco la natura ma che mi fa sempre venire una malinconia enorme.
Muoversi qui è più facile. Andare ad una conferenza in Ohio significava prendere l'aereo perchè nulla era vicino.
Qui in un'ora-due di macchiana sono a Boston, a NewYork, a Providence, a New Heaven.
Qui regna la 'wilderness' e anche la geografia si trasforma velocemente.
La scorsa settimana sono andata nel Rhode Island, mi piace vedere come i boschi si sfoltiscono man mano che vai verso est, e la strada si circonda di laghi fino a sfociare nell'oceano.
Vivo nel New England solamente da un anno e mezzo ma so già che quando me ne andrò mi mancherà. Parecchio.

13 commenti:

  1. E' come mi sento io ultimamente con il Northwest...

    RispondiElimina
  2. e' gia' un anno e mezzo? Ahh come vola il tempo!!

    RispondiElimina
  3. Pokelina, è incredibile come ci si affeziona a certi posti.

    Palbi, eh si, pensa che sono passati quasi due anni e noi non siamo invecchiati di un giorno!

    RispondiElimina
  4. io me ne sono andata da 7 anni (mi fa spavento solo a dirlo) e credimi non passa un giorno senza che io pensi, almeno una volta, alla mia adorata Beantown

    RispondiElimina
  5. io invece potrei andarmene domani mattina da L.A. e non rimpiangere nulla. Clima a parte. :)
    e' triste.
    e' invece be;lo che a te piaccia cosi' tanto il posto in cui vivi ora. E' importante
    valescrive

    RispondiElimina
  6. Silvia, ci vado tra una settimana a Boston, te la saluto, dai :)

    Valeria, davvero? ma neanche le passeggiate al canyon? Certo che qui e LA sono mondi diversi.

    RispondiElimina
  7. ok anche le passeggiate :)
    valescrive

    RispondiElimina
  8. Non te ne andare, ti prego...
    Altrimenti come starei senza leggere i tuoi racconti?

    Non te ne andare, ti prego...
    Altrimenti chi troveremmo, tutti noi, quando ti verremo a trovare?
    :-)

    d.

    P.S.: A questo punto qui ci starebbero bene, in rigoroso ordine, le seguenti scene di film (tra l'altro i film che più adoro in assoluto...).

    1) http://www.youtube.com/watch?v=nr0gaz7QpOA

    2) la scena finale del Grande Freddo (che non ho trovato...)


    d.

    RispondiElimina
  9. Dario, il blog verrà con me ovunque, comunque non si parla di nessun futuro immediato.

    RispondiElimina
  10. Da come lo descrivi, davvero si capisce perchè ti mancherà

    RispondiElimina
  11. Baol, eppure è indescrivibile, non gli faccio giustizia.

    RispondiElimina
  12. ma perchè dovresti andartene? ah, gli spiriti liberi degli americani...quanti sono quelli che ho conosciuto che sono rimasti per lavoro sempre nello stesso posto? mmmh nessuno direi! :-P ma forse dipende dal lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se fosse per il mio di americano saremmo ancora in Ohio. Prima o poi mi dovrò laureare (meglio prima che poi) e quindi, come hai capito bene, è tutto un "va' dove ti porta il lavoro" :)

      Elimina