3 giugno 2012

Le banche in Italia

No, non è un post su Monti.
L'università del Connecticut ha dei conti correnti in Italia, per via dei programmi di studio all'estero.
Devono contattare la banca per togliere dei firmatari che ormai non lavorano più per l'università, e siccome dall'altra parte della cornetta nessuno parlava Inglese, mi hanno contattata per fare da interprete al telefono.

"Il cliente Vi chiede di fare l'operazione X nei suoi conti correnti. Come possiamo procedere, via telefono, richiesta scritta, fax, altre opzioni?"

"No, signora, non si può assolutamente fare nulla del genere, deve venire in filiale!"

Ora mi ricordo perchè IO il mio conto in Italia l'ho chiuso da almeno un anno.
Consiglierei all'università di fare lo stesso.

21 commenti:

  1. Eh si, vogliono le firme...:/

    RispondiElimina
  2. Si, ma un documento firmato si può anche mandare via fax in tempo reale. Ma forse è chiedere troppo, dico, imparare a usare il fax.

    RispondiElimina
  3. Dai Eleonora, non scherzare! Usare il fax? e perche' mai??? 0_0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e il tipo ha anche riso un po' alla mia 'stravagante richiesta'. Ridi, ridi....

      Elimina
  4. Uhm, strano però. Una volta mi trovavo alle Canarie e dovetti fare un'operazione simile. In quel caso bastò il fax con la mia firma e la dichiarazione in cui dicevo che ero io...

    RispondiElimina
  5. ma poi è possibile che in una banca nessuno parli inglese?
    quando succedono queste cose io mi vergogno.

    RispondiElimina
  6. vergognoso e schifoso.
    spero tu li abbia elegantemente mandati a quel paese. ah no, ci sono già!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è salito quel nervoso tipico di quando sono in Italia, purtroppo però non ho potuto riattaccargli il telefono in faccia perchè chiamavo a nome dell'università.

      Elimina
  7. Fai il nome della banca, e' giusta la gogna in questi casi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, vorrei tanto fare nomi, specialmente dopo aver menzionato Trenitalia, ma siccome la banca non è la mia ma dell'uni, preferisco non farlo. Però una vale l'altra perchè io ho avuto gli stessi problemi con almeno altre due.

      Elimina
  8. Ma tutto o quasi funziona come 60 anni fa... Hanno i computer, la tecnologia, ma la mentalita e' ancora quella del dopoguerra, ad essere ottimisti...
    Pensa che qualche giorno fa ho voluto aiutare il signore cui sto insegnando italiano a comprare dei biglietti treno da Venezia a Roma, sul sito delle ferrovie. Sembrava un sito normale, come tanti qui. Nota che, pur essendo una verza coi computer, faccio tutto online, tasse, transazioni bancarie, assicurazioni varie... solo per sottolineare che so navigare discretamente.
    Allora fa tutto, prenota i biglietti, sceglie i posti sulla carrozza, entra i dati della Amex e click, invia... e arriva un mesaggio di errore, la transazione non poteva essere finalizzata. Pazienza, dice lui, riproverà' più' tardi.
    Nel giro di 4 minuti riceve una telefonata della Amex che gli chiede se aveva autorizzato una spesa di circa $800 per una ditta italiana (le ferrovie). WTF?

    Quindi riassumendo, s'erano spazzolati i soldi dei biglietti senza dargli ne' conferma dell'acquisto, ne' della prenotazione posti.
    Ovviamente, ho provato a telefonare, ma non ci sono riuscita: era notte in Italia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. $800 per due biglietti Venezia-Roma!!!!
      In bocca al lupo a telefonare a Trenitalia, credo che tra tutte le "cose" italiane, Trenitalia sia la peggiore, di sicuro la più odiata da me.

      Elimina
    2. No, erano 4 biglietti sola andata in prima classe... ma sempre un salasso.
      Non so come abbia risolto la situazione, e' partito e in questo momento e' in Italia con la famiglia... beato lui!!

      Elimina
  9. Vabbè, dai, giusto dietro l'angolo

    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, io torno sempre in Italia solo per prelevare dal bancomat :)

      Elimina
  10. Io litigai con Monte dei Paschi per più o meno lo stesso motivo: per spostare dei soldi tra stesse filiali. Tempo 4 mesi. Li denunciai all'organo di controllo di vari Ministeri e della Banca d'Italia. Digli alla tua Università di chiamare Striscia la Notizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che situazione di merda, neanche avessi chiesto chissà che cosa!

      Elimina
  11. E' capitato anche a me !! Stessa risposta venga in filiale ma io non ho mollato: ho infilato richiesta firmata+carta+bancomat vari un una busta e inviato tutto con raccomandata aperta, vedi come me lo hanno chiuso il conto !!
    Comunque nn è vero che è obbligatorio andare in filiale poi in un caso come il vostro figurati ... non arrenderti !
    Dancer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse stato per me avrei insistito moooolto di più, ma vedevo che la segretaria era già parecchio imbarazzata. Qui non sono abituati ad usare le "maniere forti" perchè il cliente viene naturalmente al primo posto. Alla fine abbiamo mandato una richiesta scritta. Bah.

      Elimina