14 agosto 2012

Romanzo di un'Italia

Un po' perchè mi sto preparando a insegnare un'altra classe di cinema questo semestre, un po' perchè oggi nel web tira quest'aria qui, oggi ho visto questo film



Che poi quando gliele racconti agli americani queste cose, quasi quasi non ti credono. E come dargli torto.

8 commenti:

  1. Verissimo, quando a volte spiego ai miei vicini quello che succede in Italia, stentano davvero a crederci. Loro hanno sempre l'immagine del Belpaese con il tizio che gira in Vespa attorno al colosseo dicendo "Ciao" alle belle ragazze in gonna che passeggiano lungo i viali ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sono rimasti all'Italia di Fellini.

      Elimina
  2. mi sa che dovrei anche io venire a fare il tuo corso. Non l'ho mica visto questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ma non lo metto nel corso, è troppo difficile da seguire per un pubblico non italiano, specialmente trattandosi di una classe aperta a tutti, anche a chi non fa il percorso di "Italian Studies". Però se ti capita guardalo.

      Elimina
  3. A questo punto fagli vedere anche Diaz che merita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' nella mia lista "films to watch". Appena trovo un paio d'ore.

      Elimina
  4. Ogni volta che faccio vedere a una studentessa film come LA MEGLIO GIOVENTU' o I CENTO PASSI, gli viene sempre la paura che l'Italia sia una depressione. Poi si compensa nel farle vedere i film di Verdone, o Benvenuti al Sud, che qui in USA sono poco distribuiti. A proposito, su questi ultimi, sai una risorsa in rete per reperirli facilmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm....in rete no, specialmente con i sottotitoli :(

      Elimina